Cosa sapere prima di un intervento di rinoplastica

21-06-2017
Rinoplastica: informazioni utili

Uno degli interventi chirurgici estetici più difficile è la rinoplastica.

Purtroppo se non ci si rivolge ad un chirurgo esperto tale intervento può portare a una guarigione ritardata e con deformità permanenti.

E' fondamentale scegliere con attenzione il chirurgo.

E' difficile raggiungere la perfezione in senso assoluto. Il chirurgo specializzato nella rinoplastica ottiene comunque risultati che si avvicinano il più possibile alla forma nasale desiderata dal paziente.
Le aspettative del paziente non devono tuttavia essere irrealistiche. Bisogna infatti considerare quali sono le sue condizioni di partenza (stato della cartilagine e della pelle nasale).

Il naso ideale può risultare bello e proporzionato su un viso ma potrebbe non avere lo stesso risultato estetico su un altro volto. Questo deve essere sempre tenuto presente quando si richiede un naso con una certa morfologia.

Perché un naso risulti attraente deve essere in armonia con tutto il resto del viso. Questo è il risultato naturale che un bravo chirurgo estetico persegue.

Una grande abilità chirurgica è condizione necessaria ma non sufficiente per garantire un risultato eccellente. L'esito dell'intervento dipende anche dalla qualità dei tessuti (ossei, cartilaginei e cutanei) e da una buona guarigione.

Per non incorrere in risultati sgradevoli o deformità è fondamentale il rispetto e la ricostruzione delle strutture sia ossee che cartilaginee di sostegno. La rimozione eccessiva o la lesione di questi tessuti durante l’intervento può portare ad esiti indesiderati.

La guarigione richiede tempo. Occorrono 4/6 mesi prima di vedere il risultato definitivo dell'intervento di rinoplastica. E se le aspettative sono la perfezione, è meglio riflettere bene prima di sottoporsi all’intervento.

Grazie alle nuove tecniche di intervento il decorso post operatorio e la guarigione non sono più dolorosi. Durante la guarigione si possono presentare alcuni inestetismi o problematiche che spesso spaventano il paziente (che li percepisce come campanelli d'allarme per un intervento di rinoplastica riuscito male).

Si parla di:
  • lividi;
  • asimmetrie e gonfiori post-operatori; 
  • callo osseo; 
  • supratip (una protuberanza sopra la punta nasale che altera la linea del profilo); 
  • punta storta; 
  • cicatrici.

In realtà questi episodi rientrano in un normale decorso post operatorio e per ciascuno esiste una tecnica o un trattamento per ridurne al minimo gli effetti.

I lividi ed il gonfiore della zona orbitaria scompariranno in 7-10 giorni. Il tutore rigido che viene applicato sul dorso del naso verrà rimosso dopo 8 giorni.

Per un certo periodo sarà necessario evitare o limitare:
  • l'esposizione al sole; 
  • l'attività sportiva; 
  • i lavori impegnativi; 
  • le saune ed i bagni turchi; 
  • l'assunzione di cibi e bevande molto calde; 
  • l'uso degli occhiali. 

Vedi un caso Prima e Dopo di rinoplastica estetica.

La rinoplastica, se effettuata da un bravo chirurgo, ottiene oggi risultati naturali, piacevoli, stabili nel tempo ed armoniosi.

La percentuale di pazienti soddisfatti della loro scelta è alta.

Dott. Enrico Dondè - Chirurgo estetico a Bologna, Brescia, Milano e Torino