Naso chiuso dopo rinoplastica | Intervento correttivo di Rinoplastica secondaria | Dott. Enrico Dondè
Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la "cookie policy" nella sezione "Altro" del sito.
Cliccando su Ok in questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui e consulta l’Informativa
OK

Correggere l′ostruzione nasale post-operatoria

Rinoplastiche poco rispettose delle cartilagini alari possono portare al naso chiuso

La rinoplastica è un intervento di chirurgia plastica in grado di dare ottimi risultati estetici ma in alcuni casi il nuovo naso può avere qualche problema di funzionamento, a i quali si può portare rimedio con un intervento di rinoplastica secondaria

Un esempio tipico è il naso chiuso dopo rinoplastica, una condizione clinica che si verifica con maggiore incidenza sopratutto dopo la riduzione della punta del naso: la richiesta di una punta del naso più fine, più sottile, più definita, è una delle richieste più frequenti da parte dei pazienti che intendono sottoporsi a chirurgia estetica del naso.

La chirurgia estetica per modellare la punta del naso prevede la riduzione delle cartilagini alari (le cartilagini che costituiscono lo scheletro della punta del naso) ed il loro indebolimento con risultati estetici immediati e notevoli, ma che in alcuni casi possono avere conseguenze negative dal punta di vista funzionale.

Una eccessiva resezione delle cartilagini alari o un loro indebolimento troppo accentuato comportano infatti una diminuzione della funzione della valvola nasale interna.

Le cartilagini non fanno parte della struttura della valvola nasale interna ma la supportano, grazie alle loro dimensioni e alla loro convessità ed è bene avvisare i pazienti che desiderano una riduzione troppo marcata della punta nasale o un rimodellamento aggressivo che questi interventi possono portare ad un deficit della valvola nasale e alla condizione di naso chiuso dopo la rinoplastica: in questi casi è sempre meglio limitare le modifiche cercando un compromesso tra estetica e funzionalità.

Nel caso si verifichi ostruzione respiratoria nasale post-rinoplastica è necessario un intervento correttivo di rinoplastica secondaria (6-12 mesi dopo la rinoplastica) che prevede l′impiego di innesti cartilaginei di ricostruzione.

Dr. Enrico Dondè | Rinoplastica e Chirurgia Estetica del Viso

Correggere l′ostruzione nasale post-operatoria

Rinoplastiche poco rispettose delle cartilagini alari possono portare al naso chiuso

La rinoplastica è un intervento di chirurgia plastica in grado di dare ottimi risultati estetici ma in alcuni casi il nuovo naso può avere qualche problema di funzionamento, a i quali si può portare rimedio con un intervento di rinoplastica secondaria

Un esempio tipico è il naso chiuso dopo rinoplastica, una condizione clinica che si verifica con maggiore incidenza sopratutto dopo la riduzione della punta del naso: la richiesta di una punta del naso più fine, più sottile, più definita, è una delle richieste più frequenti da parte dei pazienti che intendono sottoporsi a chirurgia estetica del naso.

La chirurgia estetica per modellare la punta del naso prevede la riduzione delle cartilagini alari (le cartilagini che costituiscono lo scheletro della punta del naso) ed il loro indebolimento con risultati estetici immediati e notevoli, ma che in alcuni casi possono avere conseguenze negative dal punta di vista funzionale.

Una eccessiva resezione delle cartilagini alari o un loro indebolimento troppo accentuato comportano infatti una diminuzione della funzione della valvola nasale interna.

Le cartilagini non fanno parte della struttura della valvola nasale interna ma la supportano, grazie alle loro dimensioni e alla loro convessità ed è bene avvisare i pazienti che desiderano una riduzione troppo marcata della punta nasale o un rimodellamento aggressivo che questi interventi possono portare ad un deficit della valvola nasale e alla condizione di naso chiuso dopo la rinoplastica: in questi casi è sempre meglio limitare le modifiche cercando un compromesso tra estetica e funzionalità.

Nel caso si verifichi ostruzione respiratoria nasale post-rinoplastica è necessario un intervento correttivo di rinoplastica secondaria (6-12 mesi dopo la rinoplastica) che prevede l′impiego di innesti cartilaginei di ricostruzione.

Dr. Enrico Dondè | Rinoplastica e Chirurgia Estetica del Viso
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Torna su