Rinofiller ricostruttivo | Ricostruzione del naso non chirurgica | Dott. Enrico Dondè
Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la "cookie policy" nella sezione "Altro" del sito.
Cliccando su Ok in questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui e consulta l’Informativa
OK

Ricostruzione del naso non chirurgica: il rinofiller ricostruttivo

Grazie ai fillers è possibile effettuare alcune operazioni di ricostruzione nasale senza ricorrere al bisturi

Alcune persone che si sottopongono a rinoplastica chirurgica sviluppano, nei 6-12 mesi successivi all’intervento, difficoltà respiratorie.

Nella maggior parte dei casi si tratta di un problema legato all’indebolimento o alla restrizione della valvola nasale interna (bilaterale) durante le manovre chirurgiche della rinoplastica.

Tale situazione si verifica soprattutto nei pazienti che, dopo la rinoplastica, presentano un naso affilato o molto più piccolo rispetto alle dimensioni originali (in questo caso di parla di rinoplastica aggressiva).

Come risolvere la situazione?
Nella maggior parte dei casi si ricorre alla rinoplastica secondaria, che è un intervento di ricostruzione (spesso con innesti cartilaginei) per ripristinare la struttura della valvola nasale.

In altre situazioni, quando il problema della valvola nasale è di minore entità, si può ricorrere alla ricostruzione del naso non chirurgica mediante il rinofiller (la cosiddetta rinoplastica non chirurgica) a scopo ricostruttivo per rinforzare la struttura valvolare.

La scelta tra ricostruzione del naso non chirurgica e rinoplastica secondaria è svolta dal chirurgo plastico durante una visita specialistica: mediante un esame endonasale si valuta se il paziente è candidabile al rinofiller ricostruttivo.

Come si effettua il rinofiller ricostruttivo e quali sono i suoi vantaggi?
La ricostruzione del naso non chirurgica avviene in ambulatorio, in pochi minuti, senza bisogno di anestesia e ricovero, senza dolore, utilizzando un filler riassorbibile (acido ialuronico o coaptite).

Il rinofiller ricostruttivo conduce a un immediato miglioramento della respirazione, senza ricorrere alla chirurgia.

Dott. Enrico Dondè | Rinoplastica e Chirurgia Estetica del Viso

Ricostruzione del naso non chirurgica: il rinofiller ricostruttivo

Grazie ai fillers è possibile effettuare alcune operazioni di ricostruzione nasale senza ricorrere al bisturi

Alcune persone che si sottopongono a rinoplastica chirurgica sviluppano, nei 6-12 mesi successivi all’intervento, difficoltà respiratorie.

Nella maggior parte dei casi si tratta di un problema legato all’indebolimento o alla restrizione della valvola nasale interna (bilaterale) durante le manovre chirurgiche della rinoplastica.

Tale situazione si verifica soprattutto nei pazienti che, dopo la rinoplastica, presentano un naso affilato o molto più piccolo rispetto alle dimensioni originali (in questo caso di parla di rinoplastica aggressiva).

Come risolvere la situazione?
Nella maggior parte dei casi si ricorre alla rinoplastica secondaria, che è un intervento di ricostruzione (spesso con innesti cartilaginei) per ripristinare la struttura della valvola nasale.

In altre situazioni, quando il problema della valvola nasale è di minore entità, si può ricorrere alla ricostruzione del naso non chirurgica mediante il rinofiller (la cosiddetta rinoplastica non chirurgica) a scopo ricostruttivo per rinforzare la struttura valvolare.

La scelta tra ricostruzione del naso non chirurgica e rinoplastica secondaria è svolta dal chirurgo plastico durante una visita specialistica: mediante un esame endonasale si valuta se il paziente è candidabile al rinofiller ricostruttivo.

Come si effettua il rinofiller ricostruttivo e quali sono i suoi vantaggi?
La ricostruzione del naso non chirurgica avviene in ambulatorio, in pochi minuti, senza bisogno di anestesia e ricovero, senza dolore, utilizzando un filler riassorbibile (acido ialuronico o coaptite).

Il rinofiller ricostruttivo conduce a un immediato miglioramento della respirazione, senza ricorrere alla chirurgia.

Dott. Enrico Dondè | Rinoplastica e Chirurgia Estetica del Viso
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Torna su