Intervento chirurgico per smettere di russare | Dr. Enrico Dondè
Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la "cookie policy" nella sezione "Altro" del sito.
Cliccando su Ok in questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui e consulta l’Informativa
OK

Smettere di russare: non è solo un problema del palato!

Come smettere di russare e ridurre o eliminare le apnee durante il sonno

Molti pazienti si rivolgono ai medici specialisti per risolvere il problema del russare e delle apnee notturne.
Quando viene consigliata una terapia chirurgica si tratta nella maggior parte dei casi di una procedura mirata a ridurre le dimensioni eccessive del palato e ad aumentarne la tensione. Questo perché si riduce la superficie vibrante del palato stesso, che è il “generatore” del rumore respiratorio notturno.

La chirurgia del palato per smettere di russare è nota con i nomi tecnici di:
  • Uvuloplatica
  • Uvulopalatoplastica
  • Uvulopalatofaringoplastica
  • Lembo uvulopalatale


Si tratta di differenze tecniche che sono riconducibili allo stesso scopo, cioè di ridurre la superficie vibrante del palato.

In altri casi il restringimento delle vie aeree è dovuto al retroposizionamento sia del mascellare che della mandibola.
Si viene a creare una sproporzione tra il “contenitore” osseo della struttura maxillofacciale ed il “contenuto”, rappresentato dai tessuti molli delle vie aeree superiori.
In questo caso l’endoscopia mostrerà un generale ingombro delle vie aeree, mentre con la cefalometria osserveremo ridotti valori di SNA e SNB.

L’intervento chirurgico proposto in questo caso è l’avanzamento maxillo-mandibolare.

Qual è lo scopo di questo intervento ?

Portare in avanti la struttura maxillo-mandibolare per ridurre l’affollamento delle vie aeree superiori.
In questo modo l’aria inspirata ha più spazio per passare.
Il passaggio d’aria più agevole significa minor vibrazione dei tessuti molli (riduzione/scomparsa del russamento) e minore ostruzione delle vie aeree seriori (riduzione/scomparsa delle apnee).

Conclusione

Questa presentazione non vuole essere un elenco di procedure chirurgiche per risolvere la roncopatia (smettere di russare e ridurre o eliminare le apnee), ma una spiegazione su quali sono le diverse opzioni di cura.
Non esiste una procedura meglio di un’altra.
Quasi sempre la terapia chirurgica migliore è la combinazione di alcune di queste procedure elencate.
La terapia chirurgica è diversa per ogni paziente e va selezionata, caso per caso, dopo aver individua i punti di ostruzione lungo le vie aeree superiori.

Se avete problemi di russamento possiamo incontrarci e trovare il miglior intervento per risolverli.
Contattatemi con fiducia e venitemi a trovare presso il mio Studio:

Dott. Enrico Dondè | Rinoplastica e Chirurgia Estetica del Viso

 

Smettere di russare: non è solo un problema del palato!

Come smettere di russare e ridurre o eliminare le apnee durante il sonno

Molti pazienti si rivolgono ai medici specialisti per risolvere il problema del russare e delle apnee notturne.
Quando viene consigliata una terapia chirurgica si tratta nella maggior parte dei casi di una procedura mirata a ridurre le dimensioni eccessive del palato e ad aumentarne la tensione. Questo perché si riduce la superficie vibrante del palato stesso, che è il “generatore” del rumore respiratorio notturno.

La chirurgia del palato per smettere di russare è nota con i nomi tecnici di:
  • Uvuloplatica
  • Uvulopalatoplastica
  • Uvulopalatofaringoplastica
  • Lembo uvulopalatale


Si tratta di differenze tecniche che sono riconducibili allo stesso scopo, cioè di ridurre la superficie vibrante del palato.

In altri casi il restringimento delle vie aeree è dovuto al retroposizionamento sia del mascellare che della mandibola.
Si viene a creare una sproporzione tra il “contenitore” osseo della struttura maxillofacciale ed il “contenuto”, rappresentato dai tessuti molli delle vie aeree superiori.
In questo caso l’endoscopia mostrerà un generale ingombro delle vie aeree, mentre con la cefalometria osserveremo ridotti valori di SNA e SNB.

L’intervento chirurgico proposto in questo caso è l’avanzamento maxillo-mandibolare.

Qual è lo scopo di questo intervento ?

Portare in avanti la struttura maxillo-mandibolare per ridurre l’affollamento delle vie aeree superiori.
In questo modo l’aria inspirata ha più spazio per passare.
Il passaggio d’aria più agevole significa minor vibrazione dei tessuti molli (riduzione/scomparsa del russamento) e minore ostruzione delle vie aeree seriori (riduzione/scomparsa delle apnee).

Conclusione

Questa presentazione non vuole essere un elenco di procedure chirurgiche per risolvere la roncopatia (smettere di russare e ridurre o eliminare le apnee), ma una spiegazione su quali sono le diverse opzioni di cura.
Non esiste una procedura meglio di un’altra.
Quasi sempre la terapia chirurgica migliore è la combinazione di alcune di queste procedure elencate.
La terapia chirurgica è diversa per ogni paziente e va selezionata, caso per caso, dopo aver individua i punti di ostruzione lungo le vie aeree superiori.

Se avete problemi di russamento possiamo incontrarci e trovare il miglior intervento per risolverli.
Contattatemi con fiducia e venitemi a trovare presso il mio Studio:

Dott. Enrico Dondè | Rinoplastica e Chirurgia Estetica del Viso

 

Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Torna su