Chiudi menu
Rinoplastica estetica
Rinoplastica funzionale
Rinofiller - Rinoplastica non chirurgica
Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la "cookie policy" nella sezione "Altro" del sito.
Cliccando su Ok in questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui e consulta l’Informativa
OK

Sinusite cronica e poliposi nasale: Interventi chirurgici per la cura

sinusite-cronica-intervento-chirurgico.jpg
sinusite-cronica-intervento-chirurgico.jpg

Poliposi nasale (Rinosinusite cronica polipoide)


La poliposi nasale è una forma di rinosinusite che evolve alla formazione di polipi nasali, neoformazioni della mucosa nasale la cui crescita determina il blocco dello scambio di aria tra il naso e i seni paranasali con conseguente ristagno di muco.


Sinusiti croniche


Ripetuti episodi di rinite (raffreddore) o di rinosinusite acuta possono condurre alla sinusite cronica.

A volte l'evoluzione è sostenuta unicamente, o favorita, da anomalie anatomiche congenite degli spazi di comunicazione tra naso e seni paranasali.

Una sottostante allergia nasale favorisce il determinarsi della sinusite cronica perché il rigonfiamento allergico (edema) della mucosa nasale coopera nel creare il blocco della comunicazione naso-seni paranasali.

I sintomi della poliposi nasale e della sinusite cronica sono:

  • ostruzione nasale (naso chiuso)
  • rinorrea (naso che cola)
  • cefalea
  • dolori facciali
  • sensazione di pienezza e pressione facciale
  • discesa di secrezioni nella faringe (gola)
  • episodi di otite catarrale
  • tosse cronica
intervento-chirurgico-per-poliposi-nasale.jpg

Diagnosi delle sinusiti croniche e poliposi naso-sinusale


  • Endoscopia nasale
  • TC del massiccio facciale
  • Terapia della poliposi naso-sinusale e delle sinusiti croniche

La terapia medica con cortisone (spray nasale, per via orale e/o per iniezioni intramuscolari) può limitare la crescita dei polipi negli stadi più lievi della patologia, ma non può essere risolutiva.

La vera terapia è chirurgica, realizzabile in modo minimamente invasivo con la moderna tecnica endoscopica (nota con l'acronimo FESS, Functional Endoscopic Sinus Surgery – Chirurgia Endoscopica Naso-Sinusale) e con l'impiego del microdebrider.

Gli interventi di chirurgia endoscopica per poliposi naso-sinusale si realizzano in anestesia generale in Day Hospital o con una notte di ricovero.


Papilloma Invertito


E' un tumore benigno che interessa la cavità nasale e i seni paranasali.

Prende origine dalla mucosa di rivestimento naso-sinusale e si sviluppa con una crescita “invertita” di cellule epiteliali, nella sottostante sottomucosa.

A causa di questo comportamento di crescita, il papilloma invertito mostra una aggressività locale (o malignità locale) che tende ad invadere e distruggere le strutture nasali, sinusali e quelle contigue: orbita e fossa cranica anteriore (invasione cerebrale).

Clinicamente si presenta con sintomi di naso chiuso (più frequentemente in un lato solo), rinorrea (naso che cola), epistassi (sanguinamento nasale), cefalea.

Alla visita (rinoscopia) e all’endoscopia nasale la presentazione più classica quella di polipo/i della parete nasale laterale.

Per perfezionare la diagnosi, oltre alla endoscopia nasale, è necessaria anche la TAC, in modo da valutare l’estensione e l’eventuale invasione orbitaria e cerebrale.

Il papilloma invertito può associarsi ad un tumore maligno della mucosa naso-sinusale nel 5-15% dei casi.


Terapia del Papilloma Invertito


La terapia è di tipo chirurgico e richiede una resezione ampia dato che le recidive sono frequenti e si manifestano con comportamenti più aggressivi della lesione primaria. Nelle forme di papilloma invertito di piccole dimensioni la terapia chirurgica è di tipo endoscopico.

Nelle forme di maggiori dimensioni sono necessari approcci esterni e resezioni più ampie (rinotomia paralateronasae, midfacial degloving). Tra queste due approcci vi sono anche soluzioni combinate esterne-endoscopiche.
intervento-chirurgico-per-poliposi-nasale.jpg

Diagnosi delle sinusiti croniche e poliposi naso-sinusale


  • Endoscopia nasale
  • TC del massiccio facciale
  • Terapia della poliposi naso-sinusale e delle sinusiti croniche

La terapia medica con cortisone (spray nasale, per via orale e/o per iniezioni intramuscolari) può limitare la crescita dei polipi negli stadi più lievi della patologia, ma non può essere risolutiva.

La vera terapia è chirurgica, realizzabile in modo minimamente invasivo con la moderna tecnica endoscopica (nota con l'acronimo FESS, Functional Endoscopic Sinus Surgery – Chirurgia Endoscopica Naso-Sinusale) e con l'impiego del microdebrider.

Gli interventi di chirurgia endoscopica per poliposi naso-sinusale si realizzano in anestesia generale in Day Hospital o con una notte di ricovero.


Papilloma Invertito


E' un tumore benigno che interessa la cavità nasale e i seni paranasali.

Prende origine dalla mucosa di rivestimento naso-sinusale e si sviluppa con una crescita “invertita” di cellule epiteliali, nella sottostante sottomucosa.

A causa di questo comportamento di crescita, il papilloma invertito mostra una aggressività locale (o malignità locale) che tende ad invadere e distruggere le strutture nasali, sinusali e quelle contigue: orbita e fossa cranica anteriore (invasione cerebrale).

Clinicamente si presenta con sintomi di naso chiuso (più frequentemente in un lato solo), rinorrea (naso che cola), epistassi (sanguinamento nasale), cefalea.

Alla visita (rinoscopia) e all’endoscopia nasale la presentazione più classica quella di polipo/i della parete nasale laterale.

Per perfezionare la diagnosi, oltre alla endoscopia nasale, è necessaria anche la TAC, in modo da valutare l’estensione e l’eventuale invasione orbitaria e cerebrale.

Il papilloma invertito può associarsi ad un tumore maligno della mucosa naso-sinusale nel 5-15% dei casi.


Terapia del Papilloma Invertito


La terapia è di tipo chirurgico e richiede una resezione ampia dato che le recidive sono frequenti e si manifestano con comportamenti più aggressivi della lesione primaria. Nelle forme di papilloma invertito di piccole dimensioni la terapia chirurgica è di tipo endoscopico.

Nelle forme di maggiori dimensioni sono necessari approcci esterni e resezioni più ampie (rinotomia paralateronasae, midfacial degloving). Tra queste due approcci vi sono anche soluzioni combinate esterne-endoscopiche.
interventi-chirurgia-funzionale-del-naso-comp.jpg

Dott. Enrico Dondè | Chirurgia Funzionale del naso

Mira al ripristino di una normale respirazione correggendo le patologie alla base dell’ostruzione nasale (naso chiuso):
  • ipertrofia dei turbinati
  • deformità del setto nasale
  • deviazione del setto nasale
  • deviazione della piramide nasale
  • disfunzione delle valvole nasali
  • poliposi naso-sinusale
  • perforazione del setto nasale
interventi-chirurgia-funzionale-del-naso-comp.jpg

Dott. Enrico Dondè | Chirurgia Funzionale del naso

Mira al ripristino di una normale respirazione correggendo le patologie alla base dell’ostruzione nasale (naso chiuso):
  • ipertrofia dei turbinati
  • deformità del setto nasale
  • deviazione del setto nasale
  • deviazione della piramide nasale
  • disfunzione delle valvole nasali
  • poliposi naso-sinusale
  • perforazione del setto nasale
Contatta il Dr. Enrico Dondè
telefono
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Contatta il Dr. Enrico Dondè
telefono
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
^