Rinoplastica open o chiusa? Alternativa è la terza via | dr. Enrico Dondè
Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la "cookie policy" nella sezione "Altro" del sito.
Cliccando su Ok in questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui e consulta l’Informativa
OK

Approccio chirurgico denominato la TERZA VIA

Una tecnica operatoria intermedia tra la rinoplastica chiusa e la open

Approccio chirurgico denominato la TERZA VIA

Una tecnica operatoria intermedia tra la rinoplastica chiusa e la open

01-LaTerzaVia.jpg
02-LaTerzaVia.jpg
03-LaTerzaVia.jpg
04-LaTerzaVia.jpg
01-LaTerzaVia.jpg
02-LaTerzaVia.jpg
03-LaTerzaVia.jpg
04-LaTerzaVia.jpg
01-LaTerzaVia.jpg
02-LaTerzaVia.jpg
03-LaTerzaVia.jpg
04-LaTerzaVia.jpg
05-LaTerzaVia.jpg
06-LaTerzaVia.jpg
07-LaTerzaVia.jpg
08-LaTerzaVia.jpg
05-LaTerzaVia.jpg
06-LaTerzaVia.jpg
07-LaTerzaVia.jpg
08-LaTerzaVia.jpg
05-LaTerzaVia.jpg
06-LaTerzaVia.jpg
07-LaTerzaVia.jpg
08-LaTerzaVia.jpg
Nelle foto intraoperatorie è visibile un ampio scollamento delle cartilagini alari, necessario per riposizionarle, data la notevole asimmetria, tipica del naso in esiti di labiopalatoschisi. Questo approccio chirurgico può essere scolasticamente denominato “chiuso” (cd rinoplastica chiusa) in quanto non vi è l’incisione columellare, ma in realtà è una situazione intermedia tra la rinoplastica chiusa e la open.

Si tratta di una “terza via” che, secondo me, unisce i vantaggi dei due classici approcci. La questione tra rinoplastica chiusa e aperta, i vantaggi e gli svantaggi, i tentativi di stilare linee guida sono questioni aperte da decenni.

L’unica vera risposta al quesito se è meglio chiusa o aperta è la preferenza personale di ciascun chirurgo.

Personalmente ritengo che la rinoplastica aperta abbia tempi di guarigione molto lunghi, necessiti di parecchi mesi per giungere al risultato definitivo, soprattutto a carico della punta.

Durante la rinoplastica open, a causa dell’ampio scollamento del rivestimento dei tessuti molli del naso, è più difficile valutare le modifiche apportate allo scheletro osteocartilagineo. Inoltre necessita di alcuni innesti di stabilizzazione, per vincere le forze deformanti del tessuto cicatriziale.

La rinoplastica chiusa permette una guarigione molto più rapida, un risultato estetico visibile già dopo poche settimane dall’intervento, un minore numero di innesti (spesso non necessari).

L’approccio mostrato nelle foto permette di unire i vantaggi della rinoplastica chiusa alla ampia esposizione delle cartilagini della punta, dove necessario una visuale più ampia.

Il concetto non è nuovo; era già stato reso popolare nei primi anni ’90 da Guerrerosantos (“Open Rhinoplasty without skin columella incision” . PRS 1990, 85 (9) : 55-90).

Dott. Enrico Dondè | Rinoplastica e Chirurgia Estetica del Viso

Nelle foto intraoperatorie è visibile un ampio scollamento delle cartilagini alari, necessario per riposizionarle, data la notevole asimmetria, tipica del naso in esiti di labiopalatoschisi. Questo approccio chirurgico può essere scolasticamente denominato “chiuso” (cd rinoplastica chiusa) in quanto non vi è l’incisione columellare, ma in realtà è una situazione intermedia tra la rinoplastica chiusa e la open.

Si tratta di una “terza via” che, secondo me, unisce i vantaggi dei due classici approcci. La questione tra rinoplastica chiusa e aperta, i vantaggi e gli svantaggi, i tentativi di stilare linee guida sono questioni aperte da decenni.

L’unica vera risposta al quesito se è meglio chiusa o aperta è la preferenza personale di ciascun chirurgo.

Personalmente ritengo che la rinoplastica aperta abbia tempi di guarigione molto lunghi, necessiti di parecchi mesi per giungere al risultato definitivo, soprattutto a carico della punta.

Durante la rinoplastica open, a causa dell’ampio scollamento del rivestimento dei tessuti molli del naso, è più difficile valutare le modifiche apportate allo scheletro osteocartilagineo. Inoltre necessita di alcuni innesti di stabilizzazione, per vincere le forze deformanti del tessuto cicatriziale.

La rinoplastica chiusa permette una guarigione molto più rapida, un risultato estetico visibile già dopo poche settimane dall’intervento, un minore numero di innesti (spesso non necessari).

L’approccio mostrato nelle foto permette di unire i vantaggi della rinoplastica chiusa alla ampia esposizione delle cartilagini della punta, dove necessario una visuale più ampia.

Il concetto non è nuovo; era già stato reso popolare nei primi anni ’90 da Guerrerosantos (“Open Rhinoplasty without skin columella incision” . PRS 1990, 85 (9) : 55-90).

Dott. Enrico Dondè | Rinoplastica e Chirurgia Estetica del Viso

Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Torna su