Rinoplastica con innesto di cartilagine nella punta - Dr. Dondè
Chiudi menu
Rinoplastica estetica
Rinoplastica funzionale
Rinofiller - Rinoplastica non chirurgica
Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la "cookie policy" nella sezione "Altro" del sito.
Cliccando su Ok in questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui e consulta l’Informativa
OK
 Prima/dopo

Rinoplastica con innesto di cartilagine nella punta

Immagini pre e post operatorie relative ad una rinoplastica eseguita con innesto di cartilagine nella columella

Queste foto prima e dopo si riferiscono ad una paziente che presentava un naso in tensione, ossia un difetto nasale derivante da un gibbo convesso che parte dalla radice nasale e arriva alla punta, che si presenta poco proiettante rispetto al dorso.

E' stata eseguita una rinoplastica chiusa esclusivamente per finalità estetiche (non erano presenti deficit funzionali) mediante il quale è stato corretto il gibbo ed è stata aumentata la proiezione della punta grazie all'impiego di un innesto columellare (prelevato dalla cartilagine del setto nasale) per conferire nel lungo periodo stabilità alla punta.

La rinoplastica con innesto di cartilagine nella punta consente di evitare che la punta possa arretrare nei mesi seguenti l'operazione.

In questo caso il risultato della rinoplastica a 12 mesi dall'intervento mostrato nella foto post operatoria evidenzia come la proiezione della punta sia stabile nel tempo.

L'intervento, nonostante l'autotrapianto di cartilagine, è stato eseguita in day hospital, senza l'ausilio di tamponi nasali e si è concluso in un'ora.



Rinoplastica con innesto di cartilagine nella punta

Immagini pre e post operatorie relative ad una rinoplastica eseguita con innesto di cartilagine nella columella

Queste foto prima e dopo si riferiscono ad una paziente che presentava un naso in tensione, ossia un difetto nasale derivante da un gibbo convesso che parte dalla radice nasale e arriva alla punta, che si presenta poco proiettante rispetto al dorso.

E' stata eseguita una rinoplastica chiusa esclusivamente per finalità estetiche (non erano presenti deficit funzionali) mediante il quale è stato corretto il gibbo ed è stata aumentata la proiezione della punta grazie all'impiego di un innesto columellare (prelevato dalla cartilagine del setto nasale) per conferire nel lungo periodo stabilità alla punta.

La rinoplastica con innesto di cartilagine nella punta consente di evitare che la punta possa arretrare nei mesi seguenti l'operazione.

In questo caso il risultato della rinoplastica a 12 mesi dall'intervento mostrato nella foto post operatoria evidenzia come la proiezione della punta sia stabile nel tempo.

L'intervento, nonostante l'autotrapianto di cartilagine, è stato eseguita in day hospital, senza l'ausilio di tamponi nasali e si è concluso in un'ora.



Pre big_2_image_jeZp5.jpg
Post big_rinoplastica-con-innesto-cartilagine-nella-punta_primadopo_145_ArRH8.jpg
Pre big_2_image_jeZp5.jpg
Post big_rinoplastica-con-innesto-cartilagine-nella-punta_primadopo_145_ArRH8.jpg
Pre big_2_image_jeZp5.jpg
Post big_rinoplastica-con-innesto-cartilagine-nella-punta_primadopo_145_ArRH8.jpg
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Torna su