Caso di successo relativo ad una neoplasia cutanea del naso: basalioma
Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la "cookie policy" nella sezione "Altro" del sito.
Cliccando su Ok in questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui e consulta l’Informativa
OK

Neoplasia cutanea del naso: basalioma

Caso di successo: intervento di ricostruzione nasale per tumore cutaneo

Il caso descritto si riferisce ad una paziente di 74 anni in buone condizioni generali di salute.

Nel 2003 la paziente aveva subito l’asportazione di un basalioma della cute del dorso nasale con ricostruzione immediata, senza lembi, date le piccole dimensioni della neoformazione.

Pochi mesi fa si è presentata la recidiva del basalioma, nella stessa sede, caratterizzata da rapida espansione.

La neoformazione, di aspetto vegetante, era di circa un centimetro di diametro e la cute circostante si presentava arrossata, come da infiltrazione neoplastica.

In anestesia locale è stata asportata la neoplasia e parte della cute circostante che, microscopicamente, appariva indenne: questo per garantire la radicalità oncologica.

Ne è esitato ovviamente un ampio difetto cutaneo, colmato con un lembo (Lembo di Marchac).

L’esame istologico ha confermato la natura della lesione (basalioma) e l’asportazione radicale.

Neoplasia cutanea del naso: basalioma

Caso di successo: intervento di ricostruzione nasale per tumore cutaneo

Il caso descritto si riferisce ad una paziente di 74 anni in buone condizioni generali di salute.

Nel 2003 la paziente aveva subito l’asportazione di un basalioma della cute del dorso nasale con ricostruzione immediata, senza lembi, date le piccole dimensioni della neoformazione.

Pochi mesi fa si è presentata la recidiva del basalioma, nella stessa sede, caratterizzata da rapida espansione.

La neoformazione, di aspetto vegetante, era di circa un centimetro di diametro e la cute circostante si presentava arrossata, come da infiltrazione neoplastica.

In anestesia locale è stata asportata la neoplasia e parte della cute circostante che, microscopicamente, appariva indenne: questo per garantire la radicalità oncologica.

Ne è esitato ovviamente un ampio difetto cutaneo, colmato con un lembo (Lembo di Marchac).

L’esame istologico ha confermato la natura della lesione (basalioma) e l’asportazione radicale.

Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Torna su