Come ridurre un naso molto grande rispettando le proporzioni del viso? | foto e video di caso trattato
Chiudi menu
Rinofiller
Rinoplastica estetica
Rinoplastica funzionale
Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la "cookie policy" nella sezione "Altro" del sito.
Cliccando su Ok in questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui e consulta l’Informativa
OK
 Prima/dopo

Rinosettoplastica con approccio misto open/closed

Cosa dire al paziente che chiede: “ME LO RIDUCA AL MASSIMO”.


La rinoplastica maschile è una richiesta in crescita e merita particolare attenzione, soprattutto come in questo caso dove il naso necessita di una riduzione importante in più punti.

E’ da evitare, in questo caso, una riduzione eccessiva del naso, per non alterare l’aspetto maschile e per evitare le complicanze a lungo termine.

Rinosettoplastica con approccio misto open/closed

Cosa dire al paziente che chiede: “ME LO RIDUCA AL MASSIMO”.


La rinoplastica maschile è una richiesta in crescita e merita particolare attenzione, soprattutto come in questo caso dove il naso necessita di una riduzione importante in più punti.

E’ da evitare, in questo caso, una riduzione eccessiva del naso, per non alterare l’aspetto maschile e per evitare le complicanze a lungo termine.
rinosettoplastica-foto-prima-dopo-due-mesi.jpg
rinosettoplastica-foto-prima-dopo-due-mesi.jpg

QUALI SONO LE POSSIBILI COMPLICANZE A LUNGO TERMINE?


Una premessa:
in questo caso di rinosettoplastica il paziente ha anche la pelle spessa.
La pelle spessa una un peso, che va supportato.

Inoltre non dimentichiamo che la cicatrizzazione (soprattutto per la punta) è un fenomeno dinamico, che avviene in contrazione.

Quindi se il supporto cartilagineo è scarso, per eccessiva riduzione, le complicanze possibili sono:
  • perdita di proiezione della punta
  • discesa della punta
  • deficit statico e dinamico delle valvole nasali, sia interne che esterne.

Durante la visita vanno precisati questi aspetti e guidati i pazienti, che spesso chiedono un naso molto piccolo.
E' necessario prospettare quali sono le conseguenze a lungo termine di una chirurgia eccessivamente riduttiva.

In questo caso è stato effettuato un intervento di rinosettoplastica con approccio misto OPEN/CLOSED, per la notevole deformità del setto nasale.

Come vedete la parte del setto nasale prossima alla columella è notevolmente deforme, quindi è stata necessaria la resezione e il reinserimento.

Oltre alla correzione del gibbo ho creato anche una separazione tra naso e fronte (a livello dell’angolo naso-frontale) che nel preoperatorio erano in continuità; questo per evitare l’effetto “naso greco”.

Nelle foto postoperatorio vediamo ancora un frontale largo, perché sono trascorsi solo due mesi.
E’ un aspetto tipico dell’edema postoperatorio, soprattutto nei casi, come questo, di pelle spessa.

Il risultato definitivo sarà visibile a 12-18 mesi dopo l’intervento.

QUALI SONO LE POSSIBILI COMPLICANZE A LUNGO TERMINE?


Una premessa:
in questo caso di rinosettoplastica il paziente ha anche la pelle spessa.
La pelle spessa una un peso, che va supportato.

Inoltre non dimentichiamo che la cicatrizzazione (soprattutto per la punta) è un fenomeno dinamico, che avviene in contrazione.

Quindi se il supporto cartilagineo è scarso, per eccessiva riduzione, le complicanze possibili sono:
  • perdita di proiezione della punta
  • discesa della punta
  • deficit statico e dinamico delle valvole nasali, sia interne che esterne.

Durante la visita vanno precisati questi aspetti e guidati i pazienti, che spesso chiedono un naso molto piccolo.
E' necessario prospettare quali sono le conseguenze a lungo termine di una chirurgia eccessivamente riduttiva.

In questo caso è stato effettuato un intervento di rinosettoplastica con approccio misto OPEN/CLOSED, per la notevole deformità del setto nasale.

Come vedete la parte del setto nasale prossima alla columella è notevolmente deforme, quindi è stata necessaria la resezione e il reinserimento.

Oltre alla correzione del gibbo ho creato anche una separazione tra naso e fronte (a livello dell’angolo naso-frontale) che nel preoperatorio erano in continuità; questo per evitare l’effetto “naso greco”.

Nelle foto postoperatorio vediamo ancora un frontale largo, perché sono trascorsi solo due mesi.
E’ un aspetto tipico dell’edema postoperatorio, soprattutto nei casi, come questo, di pelle spessa.

Il risultato definitivo sarà visibile a 12-18 mesi dopo l’intervento.
scopridipiu-rinoplastica-estetica.jpg Dott. Enrico Dondè | Rinoplastica Estetica

Interventi senza ricovero, senza dolore, senza tamponi
  • Rinoplastica estetica
  • Chirurgia funzionale
  • Chirurgia ricostruttiva
  • Profiloplastica
  • Rinofiller
  • Rinosettoplastica
Scopri di più
Dott. Enrico Dondè | Rinoplastica Estetica

Interventi senza ricovero, senza dolore, senza tamponi
  • Rinoplastica estetica
  • Chirurgia funzionale
  • Chirurgia ricostruttiva
  • Profiloplastica
  • Rinofiller
  • Rinosettoplastica
Scopri di più
scopridipiu-rinoplastica-estetica.jpg
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Torna su