I vantaggi della rinoplastica in tecnica chiusa | dr. Enrico Dondè
Questo sito o gli strumenti terzi utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la "cookie policy" nella sezione "Altro" del sito.
Cliccando su Ok in questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui e consulta l’Informativa
OK
RinoplasticaTecnicaChiusaIntra.jpg

Rinoplastica in tecnica chiusa

Quali sono i vantaggi della rinoplastica eseguita con tecnica chiusa

Le foto di questo caso ci mostrano il preoperatorio e l'intraoperatorio di un caso di rinosettoplastica effettuata con la tecnica chiusa.

A differenza del solito caso prima e dopo di una rinoplastica, queste foto ci danno l'opportunità di rispondere ad alcune domande che i pazienti frequentemente mi pongono a proposito della tecnica operatoria da me utilizzata.

La domanda generalmente è la seguente: con la tecnica chiusa, quindi dall'interno del naso, come è possibile modificare il naso?

In questo caso vediamo come addirittura si possa modificare la cartilagine allare, della punta, estroflettendola attraverso le narici, con la tecnica delivery, senza dover effettuare il taglio transcolumellare della rinoplastica aperta.

In un caso del genere la rinosettoplastica chiusa è la tecnica più adatta.

Ci permette infatti uno scollamento più limitato e di conseguenza anche un post operatorio diverso:
  • meno gonfiore alla punta;
  • una guarigione estetica più rapida un paziente che vede il suo effetto finale in poche settimane, a differenza di alcuni mesi come nella tecnica open.

In questo caso, addirittura, è possibile sempre con la tecnica chiusa ridare il supporto alla punta, che il paziente ha perso.

Vediamo nella fotointraoperatoria che viene posizionato un innesto columellare, con cartilagine rilevata dal setto.

Eseguire questo posizionamento dell'innesto è molto facile anche con la tecnica chiusa.

Non c'è sempre bisogno di ricorrere alla tecnica open per innnesti.

Dipende da che tipo di innesto e dipende dal caso clinico.

Nell'ultima foto vediamo l'immediato risultato intraoperatorio: di un profilo rettilineo di un angolo nasolabiale aumentato solo di qualche grado, perché l'innesto columellare ha ridato il giusto sostegno alla punta.

Rinoplastica in tecnica chiusa

Quali sono i vantaggi della rinoplastica eseguita con tecnica chiusa

RinoplasticaTecnicaChiusaIntra.jpg
Le foto di questo caso ci mostrano il preoperatorio e l'intraoperatorio di un caso di rinosettoplastica effettuata con la tecnica chiusa.

A differenza del solito caso prima e dopo di una rinoplastica, queste foto ci danno l'opportunità di rispondere ad alcune domande che i pazienti frequentemente mi pongono a proposito della tecnica operatoria da me utilizzata.

La domanda generalmente è la seguente: con la tecnica chiusa, quindi dall'interno del naso, come è possibile modificare il naso?

In questo caso vediamo come addirittura si possa modificare la cartilagine allare, della punta, estroflettendola attraverso le narici, con la tecnica delivery, senza dover effettuare il taglio transcolumellare della rinoplastica aperta.

In un caso del genere la rinosettoplastica chiusa è la tecnica più adatta.

Ci permette infatti uno scollamento più limitato e di conseguenza anche un post operatorio diverso:
  • meno gonfiore alla punta;
  • una guarigione estetica più rapida un paziente che vede il suo effetto finale in poche settimane, a differenza di alcuni mesi come nella tecnica open.

In questo caso, addirittura, è possibile sempre con la tecnica chiusa ridare il supporto alla punta, che il paziente ha perso.

Vediamo nella fotointraoperatoria che viene posizionato un innesto columellare, con cartilagine rilevata dal setto.

Eseguire questo posizionamento dell'innesto è molto facile anche con la tecnica chiusa.

Non c'è sempre bisogno di ricorrere alla tecnica open per innnesti.

Dipende da che tipo di innesto e dipende dal caso clinico.

Nell'ultima foto vediamo l'immediato risultato intraoperatorio: di un profilo rettilineo di un angolo nasolabiale aumentato solo di qualche grado, perché l'innesto columellare ha ridato il giusto sostegno alla punta.
Preview-video.jpg
News correlate
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Contatta il Dr. Enrico Dondè
Telefono/WhatsApp/Telegram
email
Oppure compila il form di contatto
Clicca "Non sono un robot"
Informativa sulla Privacy
Ho preso visione dell’informativa privacy e ne ho compreso il contenuto. Autorizzo il trattamento dei miei dati personali e sensibili nei termini di Legge.
Torna su